martedì 31 dicembre 2013

Milazzo Natale 2013 : Ennesimo appuntamento dedicato alle famiglie ed i bambini.










L'associazione culturale "TESEO", in collaborazione con la Pro Loco, continua a proporre, con favore, iniziative dedicate alle famiglie con bambini.
In un comunicato, i responsabili dell'Associazione, sottolineano "Siamo al "Mercatino di Via Giacomo Medici di Milazzo dal 12 dicembre 2013, abbiamo realizzato numerose iniziative, ricordiamo:

Il 12 ed il 19 dicembre 2013 :"IL TEATRO DELLE OMBRE" a cura DELL'INCANTASTORIE, LIBRERIA PER BAMBINI; Mentre il 14 dicembre spazio alla serata "MAGICABULA" a cura della ludoteca "MAGICABULA".Alla vigilia del Santo Natale (Il 24 dicembre) ancora in Piazza con  LA FIABA "LA ROSA ED IL ROSPO" di ATTILIO ANDRIOLO.
Ieri  sera, 29 dicembre, è stata proposta sempre nell'ambito del mercatino di Natale e, subito dopo, si è svolta la Tombolata condotta da Sebastiano Bauro, Vice presidente dell'ass.ne culturale "TESEO" e da Pasquale Saltalamacchia,  un altra  fiaba"Candy renna golosa " scritta da Sabrina Gonzatto, inedita e presentata in pubblico solo una volta a Torino, nel Natale dell'anno scorso, rivive a Milazzo con la voce di Elisa La Rosa e Maria Tania Bucceri. 
Alla fine sono stati distribuiti caramelle, merendine e simpatici premi, offerti dai negozi del mercatino e da quelli vicini, ai numerosi bambini presenti. Un pomeriggio trascorso in piena atmosfera natalizia che ha coinvolto tante famiglie convenute nel centro  cittadino"





sabato 28 dicembre 2013

L'ASSOCIAZIONE ANTONELLO DA MESSINA PROMUOVE LA SECONDA EDIZIONE DEL CONVEGNO SUI TALENTI MESSINESI


SI TERRà VENERDI 3 GENNAIO ALLE ORE 17 ALA SALA SINOPOLI DEL TEATRO VITTORIO EMANUELE CON SEI ECCELLENZE CHE SI RACCONTERANNO:
Talenti e cervelli messinesi in Italia e nel mondo: testimonianze, idee, prospettive
Incontro promosso dall’Associazione culturale “Antonello da Messina” (sede delegata Me), dal Comune di Messina-Asessorato alle Politiche Giovanili e dall’Ente Teatro di Messina.
Dopo il successo della prima edizione del 2012, viene promosso un incontro sul tema dei giovani “cervelli” con sei talenti e “eccellenze” di Messina che raccontano le loro esperienze, il legame con Messina, le prospettive, le idee e le opportunità per creare una rete virtuosa per mettere “a sistema” energie, professionalità e saperi per una città nuova, dinamica e sprovincializzata, aperta a nuove istanze e nuove opportunità. Verrà presentato il progetto di un portale dei Talenti messinesi.
Introducono: Maurizio Puglisi, presidente Teatro di Messina; Filippo Cucinotta, ass. comunale Politiche Giovanili; Sergio Di Giacomo, coordinatore Ass. “Antonello da Messina (sede delegata di Messina)

Modera Milena Romeo
Testimonianze:
Andrea Bellantone, docente Università di Tolosa
Livio Bisignano, attore
Luca Fiorino, attore-autore teatrale
Carlotta Giacobbe, chimica-esperta nanotecnologie
Rodolfo Savica, docente neurologia.Univ Utah 
Gabriele Savasta, cantautore di Zelig

Dibattito e interventi programmati


venerdì 27 dicembre 2013

Milazzo: Migliaia di visitatori al Castello per il presepe vivente che ritorna nel week-end Ritorna da venerdì 27 sino a domenica il presepe vivente al Castello.


Milazzo: Migliaia di visitatori al Castello per il presepe vivente che ritorna nel week-end

Ritorna da venerdì 27 sino a domenica il presepe vivente al Castello. Nel week-end pre-natalizio grande partecipazione di pubblico e consensi per l’iniziativa portata avanti dall’assessore al turismo Dario Russo e dalla Compagnia del Castello con la collaborazione di tanti cittadini.
Un vero e proprio viaggio virtuale nel tempo fino alla Palestina dell’anno 0 quello che accompagna il visitatore della Cittadella fortificata. Quattro tappe che ospitano cittadini di varie estrazione sociale, artigiani, studenti che hanno sposato il progetto: l’accampamento romano, con la presenza dell’apparato militare; la zona orientale, colma di musiche e danzatrici del ventre; la Betlemme ebraica luogo di nascita di Gesù ma anche fulcro del commercio e centro pulsante di vita.
In buona sostanza – ed è questa la vera novità – la sacra rappresentazione del Castello supera la concezione tradizionale del Presepe, puntando sulla valorizzazione dell’eccellenza produttiva e delle significative realtà culturali presenti in Sicilia. Un esempio è quello della cooperativa Quetzal di Modica che ha realizzato un laboratorio del cioccolato, illustrando il percorso di trasformazione del seme di cacao nel prodotto finito, mentre l’associazione Matumaini Speranza curerà la Festa dei Popoli in programma il 6 gennaio.
“Il nostro Castello – afferma l’assessore Dario Russo – continua ad essere Castello sociale, di tutti e per tutti, attingendo anche in questa occasione al prezioso apporto della cittadinanza tutta e ponendola al centro della manifestazione. L’intento è di amplificare il senso di inclusione dello spettatore in un momento di vita vissuta, in assenza di scenografia, abbiamo proposto momenti di recitazione, danza e musica dal vivo, realizzati con la collaborazione di associazioni teatrali, scuole di danza, istituti scolastici, mentre la rappresentazione dei mestieri è stata affidata a professionisti del settore che come è facilmente visibile, svolgono in tempo reale il proprio lavoro”.
Comune di Milazzo
Ufficio Stampa
Comunicato n. 477 del 26/12/2013.

sabato 14 dicembre 2013

Mcl Milazzo: IX Edizione del "Pranzo della solidarietà"




”Pranzo della solidarietà” 2013 – MCL Milazzo
 IX Edizione un'iniziativa benefica che si svolge a Milazzo già da nove anni.
^^^^^^^^^
Il Circolo “Giorgio La Pira” del Movimento Cristiano Lavoratori di Milazzo, a conclusione delle sue attività programmate per l’anno 2013, indice ed organizza per sabato, 4 gennaio 2014, alle ore 13,00, la consueta manifestazione intitolata “Il Pranzo della Solidarietà” che si svolgerà, quest’anno, nel salone della Chiesa Del Sacro Cuore ,  di Milazzo, messo a disposizione, per l’occasione, dal Reverendissimo Padre Marco D'Arrigo
L’iniziativa, in favore dei diversamente abili, degli anziani e delle persone sole, giunta ormai alla IX edizione, intende offrire, oltre un pranzo, un sorriso ed alcuni momenti di serenità a chi vive in difficoltà e senza affetti familiari.
Infatti, dopo il pranzo, servito dai componenti il direttivo del Circolo, coadiuvati da rappresentanti della Croce Rossa, Associazioni S. Stefano e S. Vincenzo, Charitas, Centro Anziani ed altri volontari, i partecipanti saranno coinvolti ed allietati con canti, musiche e balli.
Allo scopo si esibiranno affermati musicisti e cantanti.
E’ assicurata la presenza del Presidente Provinciale del M.C.L.
Si comunica altresì che, nei limiti della disponibilità dei posti disponibili, sarà dato accesso gratuito a quanti daranno la loro adesione entro il 31/12/2013.
Per comunicazioni, telefonare ai numeri: 347/9045000 – 347/1825878 - 3204614912 090/9283557 – 090/9288179 oppure contattare personalmente o a mezzo facebook
Porcino Carmelo, Stefano Merlino, Lo Presti Stefano.

Nota:
Una tradizione che rinnova nella ricorrenza della vigilia dell'epifania Questo pranzo è diventato ormai una tradizione annuale, riunisce tutti intorno ai tavoli, sopratutto  i meno fortunati della città, persone senza casa, anziani soli, ma anche molti giovani, gente che per scelta o per disgrazia si è ritrovata a vivere in mezzo alla strada.
Dicevamo, una tradizione che si rinnova e  in un momento di crisi economica come quello attuale diventa ancora più significativa. La forza del “Pranzo della solidarietà” MCL è reso possibile grazie alla  collaborazione dei soci volontari e dei rappresentati delle diverse associazioni milazzesi.e degli operatori commerciali 
Lo scorso anno ha registrato la presenza di oltre  100 persone, ma come ci ha dichiarato il Rag Stefano Merlino punto di riferimento del Circolo Mcl mamertino " abbiamo accolto tutti italiani e stranieri per una bella giornata -  svoltasi  per la prima volta, dopo 8 anni, negli ampi e accoglienti locali dell'Oratorio della Parrocchia del Sacro Cuore, concessi per l'occasione con grande disponibilità ed entusiasmo da Padre Marco D'Arrigo"
L'iniziativa completamente gratuita, si realizza grazie alla collaborazione degli Operatori Commerciali cittadine una vicinanza che, sicuramente non mancherà nell'imminente nova edizione, supportando organizzazione aperta al contributo fattivo  di altre  Associazioni di volontariato, ne citiamo alcune come: La San Vincenzo, Santo Stefano, Filicusarte, Croce rossa, Centro Anziani, ed altre che, si vorranno unire per questa giornata di solidarietà
La manifestazione sarà allietata da momenti di svago, oltre dalle consuete note  del nostro  cantautore musico italo-belga Francis Rivel e dalla cantante Carmen Spartà accompagnata dal maestro di fisarmonica genovese Catalano che ogni anno viene appositamente a Milazzo per partecipare a quest'evento.

Milazzo. Presentazione del libro. "Sulle orme del gambero"


venerdì 13 dicembre 2013

Monforte S. Giorgio, “Nativitas Christi, Il Natale nelle immagini devozionali



Fonte  Web  Autore: Elena Grasso.
 Pubblicato il 12 dicembre 2013. 

I comuni di Monforte S. Giorgio e Santa Lucia del Mela presentano “Nativitas Christi, Il Natale nelle immagini devozionali”, una mostra itinerante di santini sul Santo Natale realizzata da callezionisti locali che passerà per le frazioni di Pellegrino, nel comune di Monforte S. Giorgio, e S. Lucia del Mela.
Nei giorni del 22-25-26-29 dicembre, la mostra potrà essere visitata in Piazza Gagini presso la delegazione comunale di Pellegrino, mentre l’1, il 5 e il 6 gennaio toccherà al comune di Santa Lucia, in Piazza Milite Ignoto, presso il convento della chiesa del Sacro Cuore. Le mostre saranno aperte dalle ore 16,30 alle ore 20,00.


giovedì 12 dicembre 2013

La scrittrice Daniela Aspa si racconta


giovedì 12 dicembre 2013

I miei occhi
di Daniela Aspa
Costo 10 euro
(spese di spedizione in omaggio)


NARRATIVA
ISBN 978-88-6300-104-4
1a edizione ottobre 2013 


Daniela Aspa ripercorrere, con coraggio, le tappe salienti della propria vita. Non vuole insegnare a vivere, perché ciascuno fa da sé, semmai desidera comunicare a tutti che dentro di noi esiste una forza che può tenerci in vita, può farci andare avanti.
Per l'edizione Smasher, la Aspa ci regala 40 pagine circa intrise di esperienze, di ricordi, di emozioni, di sensazioni... E infine di aforismi che possono spingerci a riflettere su noi stessi e sul mondo che ci circonda.
«Siamo gli invisibili, ci riconosciamo nelle parole. Tentare ogni tanto di prendere luce è un modo per sentirsi vivi, ma scopriamo sempre con maggior consapevolezza che il nostro essere è vivo nella solitudine, lontano da un mondo fatto di maschere... Nella vita si scontano colpe continue... Soffocare, essere superficiali, amare, non essere capiti... Forse questo succede perché la vita stessa è una colpa... La solitudine è il punto di arrivo dentro se stessi... Evitare le delusioni derivanti dall’esterno e godersi l’introspezione del proprio essere è il miglior modo per sopravvivere a questa vita...»
Se Credo che tanti si siano chiesti da cosa nasce I miei occhi... Ho cominciato qualche anno fa, tracciando piccoli sfoghi d' anima su una pagina Facebook..., scrivere e' una cosa che mi è' sempre piaciuto fare...difficile per me, e' sempre stato invece parlare...perché'...Ci sono cose che non si riescono a esprimere a voce ma, si sente il bisogno di tirarle fuori in qualche modo, lo si fa per liberare l' anima e forse un po', anche per conoscere se stessi fino al midollo e scoprire che forse...in fondo in fondo, le ferite subite non hanno fatto di noi dei soggetti da evitare, ma da prendere ad esempio come quelli che con perseveranza potranno dire guardandosi allo specchio " io ce l' ho fatta" Da questo prende vita la realizzazione del libro " I miei occhi " La mia, una vita vissuta intensamente, spesso senza far rumore , subendo me stessa, per il fatto di non accettare la continua condizione che la nascita e gli eventi mi incollavano addosso... Di colpo apro gli occhi, comincio a guardarmi intorno, e scopro che tutto ciò che la mia bocca non riusciva a dire, la penna era in grado di mettere nero su bianco. Scopro così una nuova Daniela, quella che in qualche modo riesce ad entrare nel cuore delle persone attraverso piccole frasi ... Scopro che nessun dolore appartiene solo a me, ma in piccole dosi, accomuna gente come me. Scopro che niente è perso in questa vita, ma parlare sotto qualsiasi forma, diventa importate, non solo per me, ma anche per chi ha voglia di farcela quanto me... "I miei occhi " e' il succo di ciò che per me è stata la vita, spesso molto dura, ma una buona maestra da cui trarre insegnamenti di crescita interiore... Potrebbe sembrare agli occhi di chi legge come se, nei vari capitoli ci siano dei momenti di mia apertura seguiti una porta che si chiude subito dopo, ma niente è un caso, ogni passaggio che i vostri occhi leggeranno, e' voluto dalla mano che scrive, Tante cose sono state riportate nero su bianco, altre saranno custodite per sempre dentro di me, perché difficili sia da spiegare che da capire...cose orribili che non voglio e non posso condividere... Non posso dire di non aver vissuto.,.io ho conosciuto la vita e la morte, sono completa sotto questo aspetto e oggi posso dire che, mentre una volta mi ripetevo " io speriamo che me la cavo" oggi mi permetto di dire " IO CE L'HO FATTA " , niente è impossibile, basta semplicemente volerlo...

martedì 10 dicembre 2013

Milazzo. "Turismo d' eccellenza nel mezzogiorno" Convegno sabato 14 a Palazzo D' Amico


Martedì, 10 Dicembre 2013 Scritto da Redazione Milazzo
'Trasporti: analisi, strategia e prospettive di un Turismo d'eccellenza nel Mezzogiorno'': è questo il titolo del convegno che si terra' sabato 14 dicembre al Palazzo D'Amico, sede della Biblioteca e del Museo Comunale, sul lungomare di Milazzo. Il convegno si terra' dalle ore 10.30 alle 13.00. 
All'incontro, moderato dall'editore e giornalista Domenico Ciancio, prendono parte come relatori Salvatore Scalisi dell'Ente bilaterale per il Turismo siciliano e Tony Zermo, editorialista de 'La Sicilia'. Fra gli interventi programmati sono previsti: Pietro Lunardi, ex ministro delle Infrastrutture, l'ingegnere Fortunato Covelli, esperto di Trasporti, Santi Formica della commissione regionale Affari Istituzionali, Enzo Garofalo, presidente della commissione regionale Trasporti Sicilia, Giuseppe Gianni della commissione Attività produttive della Regione Sicilia, Antonino Germanà della commissione regionale Attività produttive, Bernadette Grasso della commissione regionale Turismo, Ornella Laneri, presidente regionale degli albergatori, Massimo Lo Schiavo, presidente Ancil Sicilia, Salvatore Lauro, armatore, Enzo Paolini, esperto delle politiche economiche del Mezzogiorno, Alessandro Seminara, amministrato delegato Compagnia delle Isole. Fonte: (Adnkronos)

sabato 7 dicembre 2013

La Dolce Vita rivive a Milazzo con gli scatti di Vizzini





vivisicilia dic 6th, 2013 

La Dolce Vita “made in Sicily” rivive a Milazzo: una serata dedicata agli anni ’50, ’60 e ’70 e raccontata attraverso gli scatti di Michelangelo Vizzini, storico fotografo della Rassegna internazionale di Messina e Taormina. Da Audrey Hepburn a Liz Taylor, da Jean Paul Belmondo a Gregory Peck, dalla Loren alla Cardinale, sono innumerevoli i divi del cinema italiano e americano immortalati dalla sua Rolleiflex e raccolti nel volume che sarà presentato domenica 15 dicembre alle ore 18.30 a Palazzo d’Amico, sede della Biblioteca comunale.

All’incontro, nato da un’idea di Pierpaolo Ruello, saranno presenti il vice sindaco e assessore alla Pubblica Istruzione Stefania Scolaro, che ha accolto con particolare favore l’iniziativa, e i giornalisti Massimiliano Cavaleri, curatore dell’opera, e Salvatore Presti, regista e direttore artistico del Festival del Cortometraggio.
Un’occasione per riflettere su uno dei periodi più affascinanti della storia del grande schermo e del ruolo rappresentato dal Festival messinese, oggi TaoFilmFest, che aveva come location privilegiate il ritrovo “Irrera a mare” in Fiera e il Teatro Greco, dove venivano consegnati i David di Donatello, poi trasferiti a Roma.
Il libro “Michelangelo Vizzini fotoreporter”, a breve in ristampa dato il sold out delle prime mille copie, è edito da Costantino Di Nicolò e raccoglie circa 500 fotografie in bianco e nero, in grado di raccontare fatti e personaggi di un’epoca ricca di fasti, non solo in ambito cinematografico: materiale inedito e pressoché unico recuperato da negativi d’epoca, custoditi scrupolosamente nell’archivio di famiglia.
Si tratta del primo progetto editoriale in sua memoria, realizzato grazie alla preziosa collaborazione dei figli Nanda e Andrea, che durante l’evento ritireranno un ricordo, conferito dal Rotary Club Milazzo, presieduto da Sergio Castellaneta (Vizzini fu fotografo ufficiale del club messinese e socio onorario di quello milazzese).
Ad arricchire l’atmosfera della Dolce Vita i musicisti Giuseppe De Luca, Silvia Pianezzola, Alba Sofia, Francesco Lipari e Grazia Sciotto proporranno i brani più belli di quegli anni; il giovane stilista Gianluca Alibrando, coadiuvato per make up ed hair da Annalisa Zizzo e Giuseppe Aspa, presenterà alcune creazioni d’alta sartoria; il ballerino Giuseppe Di Bella, protagonista di vari programmi di successo delle principali tv spagnole, in primis Telecinco, sorprenderà il pubblico con acrobazie coreografiche; l’attore Ivan Bertolami renderà omaggio agli immigrati italiani in America. Infine la stylist Giulia San Martino presenterà uno shooting fotografico celebrativo della bellezza siciliana rigorosamente in bianco e nero, realizzato insieme con il fotografo e videomaker Giuseppe La Spada, regista del video “L’essenziale” di Marco Mengoni, vincitore di Sanremo 2013. Oltre al Rotary, fra i partner della serata, aperta al pubblico, il Leo Club Milazzo, Myleco Sas e G.V.Assicurazioni.


L’I.T.C.G. Leonardo da Vinci Milazzo incontra la fondazione “Color your Life”



Posted by: Redazione 

Lunedì 9 Dicembre 2013, ore 17,00, nell’aula magna dell’istituto tecnico “Leonardo da Vinci” di Milazzo, in via Col. Magistri, si svolgerà un incontro per divulgare le iniziative della “Color your Life”, una fondazione no-profit che intende aiutare nel loro percorso i giovani che sognano di riconoscere le proprie passioni, esprimere il proprio talento e realizzarlo nella costruzione del proprio futuro. Per l’appuntamento di Milazzo, il programma prevede:
 Alle 17:00, gli indirizzi di saluto del dirigente scolastico, professoressa Stefania Scolaro, del sindaco della città di Milazzo, avv. Carmelo Pino, e la referente del progetto, professoressa Fiorella Turiano.
William Salice
 Alle 17:30, la presentazione della fondazione “Color your Life”, a cura del presidente dott. William Salice. 
Alle 18,00, spazio al dibattito, quindi la premiazione degli alunni dell’Istituto, vincitori dei concorsi indetti dalla “Color your Life”

Ma chi è WILLIAM SALICE ?
William Salice è l’ispiratore e la guida della Fondazione COLOR YOUR LIFE.
Al culmine del suo percorso umano e professionale ha deciso di investire se stesso nella realizzazione del sogno di aiutare gli altri a realizzare i propri sogni.

William Salice ha lavorato oltre 46 anni in Ferrero, a fianco di Michele Ferrero, il fondatore della multinazionale che da Alba ha portato la Nutella e decine di altri prodotti in tutto il mondo. In piena sintonia con lo stile sobrio e riservato dell’azienda e del suo fondatore, William Salice ha contribuito alla nascita di prodotti come Ferrero Rocher, Pocket Coffee ed è stato protagonista della nascita del marchio Kinder e di tutti i suoi prodotti.
Tra questi occupa un posto particolare, così come lo occupa nel cuore di tutti i bambini, Kinder Sorpresa. Un prodotto che William ha fatto nascere, crescere, diventare adulto e rinnovato nella modernità, declinandolo nell’era di internet e infondendo un’anima e un carattere a tutte le nuove sorprese di nuova generazione. Tutto questo mantenendo sempre fede all’atto di magia quotidiana racchiuso dalla cioccolata Kinder.
La vita di William Salice in Ferrero inizia negli anni ’60 con una serie di esperienze che sono alla base della cultura di un’azienda che ha sempre saputo ascoltare il consumatore ed ha sviluppato una sua propria filosofia di marketing in anni in cui nel nostro paese nessuno sapeva come pronunciare questa parola. Sul finire degli anni ’60 Salice è impegnato nello sviluppo di nuovi prodotti. Negli anni ’70 è centrale il suo contributo allo sviluppo pan-europeo della divisione Kinder, una vera e propria azienda nell’azienda.
L’esperienza maturata in questi anni sarà poi essenziale quando Salice avrà la responsabilità, negli anni ’90, delle aziende create dalla Ferrero per sperimentare nuovi prodotti nei diversi mercati. Un tema, quello della sperimentazione, centrale in tutto il percorso umano e professionale di Salice, che ha saputo tradurre in tecniche e metodologia quanto spesso affidato alla sola intuizione, e attraverso cui ha saputo superare anche le sfide che i più ritenevano impossibili.
Di lui ha scritto Michele Ferrero: “A Giuseppe William Salice, che accanto a me, ha vissuto con entusiasmo e volontà l’avventura che ha portato la Ferrero nel mondo, dedicando tutte le sue energie ed il suo impegno a questa grande missione”.



venerdì 6 dicembre 2013

Sicilia, approvato dalla Giunta regionale un Ddl di proroga per i precari


Pubblicato Lunedì, 02 Dicembre 2013 17:14

Scritto da Redazione
È stato approvato oggi dalla Giunta regionale il Ddl per prorogare per 3 anni i contratti di tutti i precari siciliani e consentire a tutti gli enti di avviare il processo di stabilizzazione. Le risorse necessarie sono tutte a carico della Regione e frutto del risparmio effettuato nell'anno in corso e previsto nel prossimo anno nella lotta contro gli sprechi e il malaffare. Oltre alle pubbliche amministrazioni è prevista la forma dell'auto impiego e anche l'impiego, su richiesta del precario, in aziende private.

mercoledì 4 dicembre 2013

Mostra "Rumori di Fondo" di Santi Gitto


Mostre d'Arte - Santina De Santi Alleruzzo 8-dic 2013 06-gen 2014 Palazzo ex Carcere Santa Lucia del Mela - (ME)


Anniversario di Garibaldi a Milazzo

Milazzo: domanica riapertura dell’ex carcere femminile di via Impallomeni


Domenica 8 dicembre alle 10,30 si terrà la cerimonia di riapertura dell’ex carcere femminile di via Impallomeni intitolato all’ing. Domenico Ryolo. La struttura nei mesi scorsi è stata concessa in comodato alle associazioni culturali “Società milazzese di storia patria”, “Siciliantica” ed il “Promontorio” al fine di realizzare uno spazio espositivo per supportare i visitatori indirizzandoli e guidandoli lungo un itinerario storico-artistico della città, nonché per poter fruire di un luogo di aggregazione dove poter svolgere attività culturali.
Interverranno il sindaco Carmelo Pino, l’assessore al turismo Dario Russo e la dott.ssa Elvira D’Amico, già dirigente della Soprintendenza di Palermo che al patrimonio culturale di Milazzo ha dedicato numerosi saggi e ricerche d’archivio.
Nel pomeriggio la struttura resterà comunque aperta ai visitatori dalle ore 15,30 alle 19,30 con la contestuale esposizione – anche all’esterno – di qualche presepe in vista delle festività natalizie.
Successivamente, in attesa che si proceda alla definizione degli orari di apertura invernali, la struttura rimarrà aperta – grazie all’opera di volontariato – ai seguenti orari: lunedì e mercoledì dalle 17 alle 19, giovedì e venerdì dalle 18,30 alle 20,30, sabato 09:30 – 12:30 / 15:30 – 18:30 e domenica 09:30 – 12:30. La chiusura settimanale sarà il martedì.
“Con la riapertura dell’ex carcere Femminile – viene recuperato uno spazio collocato in quell’ideale circuito culturale del Borgo che dal nuovo Antiquarium archeologico prosegue con l’artistico Santuario di S. Francesco di Paola, per poi coinvolgere la chiesa del Rosario con l’annesso chiostro dei Domenicani e culminare nella visita al Duomo antico ed al resto della cittadella fortificata”.
“L’adesione alla proposta delle tre associazioni – ha spiegato l’assessore al Turismo Dario Russo – rientra nella logica di valorizzare il nostro patrimonio culturale e architettonico collaborando con quanti vogliono promuovere la conoscenza dei nostri beni”.
Comune di Milazzo

martedì 3 dicembre 2013

Milazzo: I discepoli di Omero

giuseppe fotiFonte:            
http://www.costajonicaweb.it/i-discepoli-di-omero-di-giovanni-foti/        
In una società in cui l’insana apparenza è figlia di una scatola vuota, e nel quale i social network rappresentano il filtro più assoluto e più immediato (con tutti i pro e contro) nell’interazione / mediazione di tematiche dai contenuti più svariati, ecco scorgere all’orizzonte I DISCEPOLI DI OMERO. Da un idea di Giuseppe Foti di amalgamare più realtà artistiche, ecco nascere .. come finestra nel comprensorio milazzese .. un collettivo artistico di presenze nel quale il monitoraggio di più realtà locali sposa perfettamente il culto dell’Arte nelle sue varie ramificazioni e nelle sue indole più profonde. La decantazione di bellezze nei poemi Omerici dell’Eneide con ispirazione alla terra del Chersoneso D’Oro, e degli antichi “agri-milesi” nei canti Romani e Greci, è certamente la chiave di lettura nell’origine del nome.Con l’obbiettivo di riuscire a confluire più testimonianze possibili (dal mondo dell’arte), materializzando in progetti di manifestazioni ed eventi, il linguaggio dell’anima di tantissimi “discepoli”, Giuseppe Foti evidenzia l’importanza dell’emozione e della passione nel connubio con l’Arte, al fine di esiliarsi dal disagio avulso di una gabbia sociale fin troppo obsoleta, ed evadendo in sfumature di realtà, dove il sentimento e la gioia dell’esistenza colorano di luce ogni forma di espressione prescindendo dal contesto e dalla metrica dei ceti. L’appartenenza al tempio della poesia e della musica, in passati non troppo lontani, genera nel promotore del gruppo, la sana consapevolezza del salto di qualità per intercessione di opportunità più marcate e di una maturità più coscienziosa, a cospetto di un passaggio sempre più sottile ma assai influente dal mondo del web a quello reale. A tal proposito, il fondatore de I DISCEPOLI DI OMERO, spiega l’esigenza introspettiva e materialistica di spazi sempre più assenti, e di corsi prettamente professionali nello sviluppo e cura della propria potenzialità in certe espressioni artistiche e non.Ed anche più biblioteche e corsi di pittura, nell’arricchimento e nutrimento del proprio cervello e della propria anima, di culture lontane e profonde e dai sapori malleabili e intrinseche di vita . A fronte di ciò, e nel saggio consiglio di perlustrazione di nuove dimensioni artistiche, mediante viaggi e spostamenti, Giuseppe Foti traccia una linea di confine al bivio tra l’eccelso e il consumistico, nel quale l’ARTE (in tutte le sue forme: poesia, musica, pittura, teatro, moda, foto, ecc. ecc.) getta le basi per una nuova civilizzazione di valori, e dove all’esternazione di una passione si coniuga la più grande forma di espressione artistica.
 Giovanni Foti

IL DESTINO DELL'UOMO PER I PROSSIMI ANNI

A proposito della politica di oggi, mi piace ricordare alcune parole dette da John Kennedy il 25 settembre 1961 all'ONU: 
"Gli avvenimenti e le decisioni dei prossimi dieci mesi potranno forse decidere il destino dell'uomo per i prossimi anni. Non ci sarà modo di sottrarsi a questi avvenimenti. Queste decisioni saranno senza appello.E noi saremo ricordati come la generazione che ha realizzato il suo voto di salvare la generazione futura o quello......"  

IL LAVORO, FONTE DI GUADAGNO, PUO' DIVENTARE ANCHE IMPEGNO DI BENE

Il lavoro non è giusto considerarlo solo come strumento di guadagno, come mezzo di sostentamento e tanto meno come l'unico valore che dia significato alla vita, ma può sempre diventare un'occasione per lo sviluppo dei valori dello spirito.Cioè è anche un mezzo di espiazione, di santificazione e di apostolato.
La Chiesa ci invita a considerarlo come una vocazione di Dio a contribuire all'attuazione del Suo piano provvidenziale; come un impegno di bene ad elevazione di se stessi e degli altri.
Il lavoro è scambio e servizio fraterno. (Mons. Antonino Bucca)

NEL LAVCRO BISOGNA ESSERE ANCHE CREDENTI.

Anche nell'animo dei cristiani di oggi è avvenuta una frattura tra la loro fede religiosa e la loro professione; e' necessario che in esso si ricomponga l'unità interiore.
E' necessario che nel nostro lavoro e nella nostra vita professionale, scolastica od altro siano più presenti la fede come faro che illumina e la carità come forza che vivifica.
In una parola, dobbiamo essere anche nel nostro lavoro e mediante il lavoro, cristiani autentici e coerenti (Mons. Antonino Bucca)